banner

The New Stuff

4579 Views

L’invasione degli scarafaggi


Che cosa vuol dire “mafia” e cosa possiamo fare per combatterla? Un libro illustrato spiega di cosa si tratta, raccontando una bella storia di coraggio e solidarietà

Mafia è una parola difficile. Nei discorsi degli adulti spunta spesso. Viene associata a comportamenti sbagliati, questo è chiaro, ma per i bambini non è facile comprenderne fino in fondo il significato. Ora un libro illustrato aiuta i più piccoli a capire davvero di che cosa si tratta.

Si intitola La mafia spiegata ai bambini. L’invasione degli scarafaggi (BeccoGiallo Critical Kids), ha 56 pagine a colori e si legge in un lampo. Al centro della storia c’è un piccolo paese: Castelgallo. Un posticino tranquillo, baciato dal sole. Da qualche tempo, però, a Castelgallo si vive male, senza più bellezza. Nel paese inizia, infatti, a circolare una strana malattia, una epidemia di mafia – di cui non si deve parlare e che si deve fingere di non vedere – capace di trasformare gli abitanti in mostruosi boss e piccoli bulli arroganti e prepotenti. In altre parole, in veri e propri scarafaggi.

“Gli abitanti di Castelgallo avevano paura di parlare, di denunciare. Non potremmo definire questa paura in altro modo se non… omertà”

Omertà, ovvero la legge del silenzio imposta dalla malavita. Da chi non si comporta onestamente e vuole continuare a delinquere senza essere disturbato. Per capirci: succede qualcosa di brutto sotto i tuoi occhi? Il buon comportamento, quello di una società giusta e civile, dice che la prima cosa che dovresti fare è denunciare, avvisare qualcuno, ribellarti all’ingiustizia. L’omertà, invece, cancella questo bel principio, ti impone di girarti dall’altra parte e mette tutti a tacere insinuando la paura; qualcuno fa il prepotente e ti minaccia, e tu, spaventato, non vuoi più parlare. Ecco, ritornando alla nostra storia, in questo pesante clima di omertà, a Castelgallo la situazione peggiora in fretta: nessuno si ribella, nessuno prende le difese del vicino di casa o del compagno di classe e, così, ben presto, le vittime dei bulli diventano, a loro volta, teppisti aggressivi, sempre pronti ad alzare le mani. Si può agire indisturbati: c’è chi pretende favori o denaro, chi usa le maniere forti e ruba la merenda o il diario di un compagno. Nessuno sembra poter evitare il contagio, né grandi né piccini.

Una brutta storia, vero? Ma, non disperate, il lieto fine c’è!

A risolvere il problema è Alberto, uno studente coraggioso e onesto. Campione di solidarietà e di piccole azioni generose, in grado di ispirare tutti: prima i bambini a scuola, poi anche gli adulti. Da piccoli gesti leali, anche da quelli che non fanno tanto rumore e di cui facciamo fatica ad accorgerci, da un regalo, da un abbraccio o da una parola gentile può nascere una grande rivoluzione umana.

“Quando si sparse la voce che si poteva davvero guarire dalla malattia scarafaggiante, anche i più pigri si unirono agli altri. Tutti capirono che quello strano malanno non aveva portato niente di buono per la città”

000

Per concludere ripartiamo dall’inizio. Riprendiamo la frase con cui si apre il libro, o meglio, la dedica scritta dagli autori: il giornalista Marco Rizzo e il fumettista Lelio Bonaccorso. La riportiamo qui, in chiusura, affinché sia d’ispirazione e stimoli la riflessione: “A tutti i bambini che nella loro semplicità riescono a vedere molto meglio dei grandi quanto assurdo e inutile sia il sistema mafioso, e non riescono a capire perché si debba convivere con le cose cattive nel mondo”.

Francesca Boccaletto

Recently Published

©Collezione Peggy Guggenheim Collection. Foto Sara Celeghin
»

Cambiamo il futuro. Bambini di oggi, cittadini di domani

Al via un nuovo ciclo di sei laboratori della Collezione Peggy ...

»

Grazie Venezia78!

Al termine di ogni edizione della Mostra internazionale d’arte ...

»

Al Lido per la 78esima Mostra del Cinema

Care piccole lettrici e cari piccoli lettori, inizia oggi la 78esima ...

article image
»

Infanzia in Afghanistan: quale futuro per bambine e bambini?

L’avanzata devastante, la caduta di Kabul, il potere nella mani ...

»

Nemmeno il Covid è riuscito a fermare la passione per lo sport!

Che cosa ne è stato dello sport in questo anno? Ce lo chiediamo ...

»

“Cronache fantastiche”, il laboratorio insolito e divertente per Kid Pass Edu

Ecco il risultato di un laboratorio davvero unico, condotto nel mese ...

article image
»

Infanzia e Covid-19: l’appello per proteggere i bambini più vulnerabili

Save the children: nel 2021, 60 milioni di bambine e bambini avranno ...

»

Storie sotto l’albero

A Natale è tempo di storie. Si sa. E i lettori più piccoli, e ...

»

“L’Ickabog”, il ritorno di J.K. Rowling

“Alto come due cavalli, occhi infuocati, artigli affilati come ...