banner

The New Stuff

3290 Views

E se ti dico “primavera”?


Se fosse un’opera d’arte, sarebbe il capolavoro di Botticelli. E se fosse, invece, una melodia o un pensiero filosofico? Vi presentiamo la primavera secondo Clac, la nostra scatenata illustratrice. Per voi, un tripudio di bellezza, colori e tanta ironia!

A cosa pensate se vi dico la parola primavera? Ok, è la stagione tra l’inverno e l’estate, il momento in cui sbocciano i fiori e le temperature salgono, e nella nostra metà del mondo inizia il 21 marzo. Ma oltre a questo, cosa vi viene in mente? Ecco a cosa penso io…

primavera_bott

La Primavera è un’opera famosissima del pittore Sandro Botticelli, dipinta nel 1482 circa, che si può ammirare alla Galleria degli Uffizi a Firenze. Fu realizzato per la famiglia Medici, una delle famiglie più potenti della storia italiana, che voleva dimostrare la sua potenza non solo attraverso la guerra ma anche attraverso la cultura, per cui moltissimi artisti importanti erano di casa, tra cui Botticelli stesso. Quest’opera è grande circa 2 metri per 3 e vi troviamo un sacco di personaggi: oltre alla Primavera, c’è la ninfa Clori, il vento Zefiro, la dea Venere e suo figlio Cupido, le tre Grazie e Mercurio. Li riconoscete tutti? Ok, forse nessuno mangiava patatine…

primavera_vivaldi

E se la primavera fosse una musica, come ve la immaginereste? Qualcuno è riuscito a descrivere con gli strumenti tutte e quattro le stagioni: Antonio Vivaldi, celebre violinista e compositore nato nel 1678. Egli scrisse questi concerti per violino raccontando con le note la tempesta, il canto degli uccelli, la notte, il ghiaccio, il fuoco e molto altro. Se fosse nato oggi, Vivaldi sarebbe sicuramente una rockstar. Pensate di non conoscere le Quattro stagioni? Scommettiamo invece che le avete sentite tutte e quattro almeno una volta?

primavera_aristotele (1)

Quante volte avete sentito dire “una rondine non fa primavera”? Pensate che è stato detto per la prima volta dal filosofo greco Aristotele nella sua opera Etica Nicomachea, e poi tramandato nei secoli. Ma cosa avrà voluto dire? Si sa che le rondini si muovono a stormi, partono all’inizio dei mesi più freddi e rientrano quando stanno iniziando i mesi più caldi. Una rondine che vola solitaria potrebbe avere perso il gruppo delle sue simili o il senso dell’orientamento. Per questo, una singola rondine non ci garantisce che la primavera sia alle porte. Allo stesso modo, una singola buona azione non fa di un uomo un uomo buono, ma la sua bontà troverà conferma solo se ne arriveranno altre, di buone azioni!

Clac

  • illustratrice, grafica e creativa. Disegnerebbe anche sui muri di casa tua, se poi tu non decidessi di chiamare i vigili…

Recently Published

»

Nemmeno il Covid è riuscito a fermare la passione per lo sport!

Che cosa ne è stato dello sport in questo anno? Ce lo chiediamo ...

»

“Cronache fantastiche”, il laboratorio insolito e divertente per Kid Pass Edu

Ecco il risultato di un laboratorio davvero unico, condotto nel mese ...

article image
»

Infanzia e Covid-19: l’appello per proteggere i bambini più vulnerabili

Save the children: nel 2021, 60 milioni di bambine e bambini avranno ...

»

Storie sotto l’albero

A Natale è tempo di storie. Si sa. E i lettori più piccoli, e ...

»

“L’Ickabog”, il ritorno di J.K. Rowling

“Alto come due cavalli, occhi infuocati, artigli affilati come ...

»

Gianni Rodari, cento anni e non sentirli

Nato il 23 ottobre 1920, in un piccolo paese affacciato sul Lago ...

»

Van Gogh. I colori della vita

Il 10 ottobre, al centro Altinate San Gaetano di Padova, inaugura una ...

»

Una risata per un corpo imperfetto

“Graces” è uno spettacolo di teatro danza che sta ...

»

A scuola, “non perdiamoci di vista”

Questa mattina, al risveglio, abbiamo letto il post Facebook del ...