banner

The New Stuff

2551 Views

Un’isola di libri (senza parole)


Tutti i bambini dovrebbero poter sfogliare un bel libro e dovrebbero poter trascorrere del tempo in una biblioteca. Per fortuna c’è chi si impegna ogni giorno perché questo accada. Vi raccontiamo il progetto di Ibby a Lampedusa

Non tutti hanno la fortuna di poter sfogliare o leggere un libro perché, questo gesto semplice, per molti è un lusso. Per fortuna, ci sono realtà, come Ibby Italia (International board on books for young people), che si impegnano e lavorano ogni giorno per avvicinare tutti i bambini a una lettura di qualità. Tra i tanti progetti di Ibby, vi segnaliamo Libri senza parole. Dal mondo a Lampedusa e ritorno. Dalla sede nazionale di Bologna (la Biblioteca SalaBorsa ragazzi), il progetto è partito per il Sud Italia, con una missione precisa: allestire una biblioteca per i bambini e i ragazzi che vivono a Lampedusa o che sono ospiti del centro di primo soccorso e accoglienza.

Ibby è un organismo internazionale fondato da Jella Lepman nel 1953, in Svizzera. Si tratta di una rete di persone che si impegnano a facilitare l’incontro tra i libri e i ragazzi e che difende il diritto dei più giovani alla buona lettura, creando, in ogni contesto sociale e geografico, l’opportunità per l’infanzia di accedere a libri di alto livello letterario e artistico. Un diritto che dovrebbe essere garantito a tutti i bambini, ancora di più a chi cresce in contesti disagiati. Lampedusa, diventata tristemente famosa per lo sbarco degli immigrati provenienti dai Paesi africani, è il simbolo di tutti i luoghi remoti e questo progetto vuole proprio portare l’attenzione delle istituzioni e della società civile sui bisogni di chi cresce lontano dalla lettura e da quei principi di tolleranza e comprensione dell’altro che la lettura stessa è in grado di stimolare. Il bel progetto di Ibby Italia ha così visto la donazione e la raccolta di libri e anche l’allestimento, dal 22 al 29 giugno 2013, di uno spazio messo a disposizione dal sindaco Giusi Nicolini. E l’esperienza non si è esaurita in una manciata di giorni: oggi il progetto continua perché questa biblioteca ha segnato una vera svolta nella vita dell’isola e dei piccoli ospiti che giungono spaesati e pieni di paura e che, forse, in una storia, cercano e posso trovare consolazione, speranza e un po’ di coraggio.

Il nucleo di libri per ragazzi, che Ibby Italia in parte ha già raccolto e donato all’isola di Lampedusa, è costituito da un fondo di silent books, ovvero libri senza parole che, affidando il racconto alle sole immagini, riescono ad annullare qualsiasi barriera linguistica e culturale. In collaborazione con Ibby international e il Palazzo delle Esposizioni di Roma, è stata poi fatta una selezione di centoventi titoli provenienti da oltre venti Paesi del mondo, libri capaci di favorire l’incontro tra bambini di origini diverse e “accogliere” anche quei piccoli migranti che arrivano a Lampedusa dopo un lungo viaggio, a volte accompagnati dalla famiglia, altre volte da soli.

Se volete conoscere i progetti di Ibby e, in particolare, volete saperne di più sul progetto di Lampedusa, scrivete alla referente Deborah Soria: soria.deb@gmail.com, oppure a: ibbyitalia@gmail.com

Redazione Prime Pagine

Recently Published

article image
»

Infanzia e Covid-19: l’appello per proteggere i bambini più vulnerabili

Save the children: nel 2021, 60 milioni di bambine e bambini avranno ...

»

Storie sotto l’albero

A Natale è tempo di storie. Si sa. E i lettori più piccoli, e ...

»

“L’Ickabog”, il ritorno di J.K. Rowling

“Alto come due cavalli, occhi infuocati, artigli affilati come ...

»

Gianni Rodari, cento anni e non sentirli

Nato il 23 ottobre 1920, in un piccolo paese affacciato sul Lago ...

»

Van Gogh. I colori della vita

Il 10 ottobre, al centro Altinate San Gaetano di Padova, inaugura una ...

»

Una risata per un corpo imperfetto

“Graces” è uno spettacolo di teatro danza che sta ...

»

A scuola, “non perdiamoci di vista”

Questa mattina, al risveglio, abbiamo letto il post Facebook del ...

»

Al Parco Iris di Padova, una nuova area giochi accessibile e inclusiva

Uno spazio felice per tutte e tutti, bambine e bambini con ...

»

In libreria “Passeggiata col cane”, quando una storia è senza parole

La casa editrice Camelozampa porta in libreria un piccolo gioiello di ...