banner

The New Stuff

3578 Views

Tre domande a… i fratelli Riegler


Si chiamano Martin e Florian, meglio conosciuti come Riegler brothers. Sono campioni di arrampicata. In questa intervista raccontano l’origine di una grande passione

Sono fratelli e amano la montagna. Sfidano le rocce per raggiungere la vetta, cercano sempre di superare i loro limiti. Sono professionisti di uno sport che non si può e non si deve improvvisare, ma che, al contrario, si inizia con prudenza, attenzione, grande consapevolezza. E una buona dose di coraggio, certo. Si chiamano Martin (che è nato nel 1980) e Florian Riegler (1982), vivono a Bolzano e sono campioni di arrampicata. Nel libro “Fratelli di cordata” (Infinito edizioni), scritto insieme alla giornalista Silvia Fabbi, raccontano la loro storia. Noi di “Prime Pagine” li abbiamo intervistati.

Quando è nata la passione per l’arrampicata? L’avete da subito condivisa o un fratello ha trascinato l’altro?

Martin: “La nostra è una passione di famiglia!”

Florian: “Abbiamo iniziato da piccoli, insieme ai nostri genitori. Io sono il più piccolo dei fratelli e da bambino volevo sempre fare quello che faceva Martin! Dunque inizialmente l’ho imitato, dall’adolescenza in poi abbiamo fatto tutto insieme…”

Martin action

Il vostro sport non si può improvvisare: richiede coraggio, disciplina e tantissima attenzione. Non è certo per tutti. Mentre scalate vi capita mai di avere paura?

Martin: “Avere paura e rispetto serve per poter sopravvivere. Quando affronti le rocce devi concentrarti al massimo e pensare solo al prossimo movimento”

Florian: “Deve esserci un po’ di paura e il rischio si può sempre in qualche modo calcolare, quindi sai che puoi evitare di rischiare troppo se non lo vuoi. Dobbiamo metterci sempre la testa”

Florian Riegler

Diteci qual è stata la parete rocciosa che vi ha fatto emozionare di più, quella che ha richiesto maggiore preparazione e quella che ancora sognate di scalare…

Martin: “Le emozioni più intense le ho provate sulla Roda di Vaèl, nel Catinaccio. La maggior preparazione l’ha richiesta la spedizione in Pakistan con la ascensione del Kako Peak. E sogno di affrontare una montagna che nessuno ha mai scalato…”

Florian: “La Roda di Vaèl mi emoziona sempre perché è stata la nostra prima salita e perché ci abbiamo dedicato tanto tempo: tre estati della nostra vita sulla stessa parete! Quella che ha richiesto più preparazione è in Pakistan perché andava organizzato tutto, nei minimi dettagli. E poi ci sono i sogni… ma, ecco, diciamo che non sogno pareti, al massimo, se sto provando una via che non mi riesce, sogno il movimento che non riesco ancora a fare…”

(foto: Martin in azione, Florian sorride)

Redazione Prime Pagine

Recently Published

giornalisti del mistero
»

Notizie da brivido. Giornalisti del mistero alla Rocca di Manerba

Segreti e leggende, storie spaventose: ecco gli ingredienti del ...

»

Il giornale della settimana, piccole cronache illustrate

Siamo tornate al Lago di Garda per fare un’altra splendida ...

»

La Gazzetta della Rocca, minireporter al museo archeologico

Una domenica pomeriggio davvero speciale. Prime Pagine ha proposto e ...

»

Cronache fantastiche (seconda parte)

Cronache fantastiche, impossibili, a volte quasi reali: con questo ...

»

Cronache fantastiche

Cronache fantastiche, impossibili, a volte quasi reali: con questo ...

Foto di Grazia Raimondo
»

Una domenica poetica, un’insalata di parole

Le parole possono essere dolci, amare, aspre. Le persone possono ...

Giovanna di Benedetto / Save the Children
»

Ucraina, le prime vittime sono i bambini

Il conflitto costringe donne e bambini a lasciare le proprie case per ...

»

Non ci avevano detto che c’era la pace?

Ucraina – Russia, la guerra spiegata a bambine e bambini. ...

»

Rileggere Mario Lodi

Su Il Bo Live l’omaggio al grande maestro e scrittore, nel ...