banner

The New Stuff

2078 Views

“Sweet!”, un trionfo di dolcezza


Un giornalista, in viaggio negli Usa, arriva a Los Angeles e fa tappa nel più grande store di caramelle al mondo. “Prime Pagine” vi propone il reportage di Francesco Verni, tra cioccolatini e orsetti gommosi, passando per i supereroi e la fabbrica di Willy Wonka

Uno è alla caccia della stella del suo attore preferito sulla Walk of fame a Hollywood Boulevard a Los Angeles e si trova di fronte alla pubblicità di un negozio che si proclama “il più grande store di caramelle al mondo”. E uno che fa? Non ci va almeno a fare un salto per saperne di più? Beh, io non ho resistito. È così che ho scoperto Sweet!, dolce, anzi dolcissimo, visto quello che ospita. Uno spazio enorme a metà tra la versione, “in carne e ossa”, si potrebbe dire, del gioco Candy Crush e la fabbrica del cioccolato di Willy Wonka. E quando dico enorme non esagero: un salone centrale all’interno del quale perfino una Ferrari rosso fiammante targata Sweet! sembra sparire, e decine di salette dedicate ognuna a un prodotto dolciario diverso o, semplicemente, legato a un personaggio dei cartoon o a un film.

Qui perdersi fa tornare bambini, tutti e indistintamente. Si può saltare dalla sala di Star Wars a quella dei supereroi Marvel, da Hello Kitty allo spazio dedicato alle caramelle degli anni Cinquanta, intrufolarsi nella fabbrica di cioccolato di Willy Wonka (ogni tanto lì spuntano pure gli Umpa Lumpa ma, ahimé, non durante la mia visita), oppure alle caramelle-scherzo ai gusti più disgustosi… Insomma in questo store ci si diverte e si sogna, alla grande.

Poi, una volta scelto quello che si vuole, si deve andare a pagarlo in cassa. E le casse sono nascoste da una speciale scaffalatura a cerchio, lunga qualche decina di metri, piena di centinaia di barattoloni di vetro stracolmi di dolcezza: cioccolatini, caramelle, bonbon, lecca-lecca, chicche, confetti, orsetti gommosi, ciuccetti e chi più ne ha più ne metta. La scelta non manca di certo. Nei 2787 metri quadrati del negozio ci si può perdere tra trecento tipi di barrette di cioccolato, 860 prodotti di cioccolateria, 200 tipi di caramelle gommose, 140 gusti di chewing gum e 250 varianti di lecca-lecca.

Alla fine, non so se fosse, come recita la pubblicità, “il più grande negozio di dolciumi del mondo”, ma nei miei ricordi, lo sarà di sicuro.

Francesco Verni

  • giornalista professionista, esperto di musica e fumetti, prima firma della pagina degli spettacoli del Corriere del Veneto

(in copertina: illustrazione di Clac per Prime Pagine)

Recently Published

Uffa, logo
»

Uffa, dai disegni dei bimbi alla moda

L’espressione artistica dei più piccoli diventa fonte di ...

»

Un sogno al di là del muro

Sono passati trent’anni da una giornata che i vostri genitori e ...

»

La famosa invasione degli orsi in Sicilia, al cinema

La storia scritta da Dino Buzzati nel 1945, un grande classico della ...

»

Celestino, il bambino tutto blu

Esce oggi, 30 ottobre, il libro scritto da Paola Catella e illustrato ...

»

Venezia76, passione cinema!

Una galleria di immagini (ed emozioni) dal red carpet e dal photocall ...

»

Una regista tra suoni e colori diversi

Sulle sponde del lago di ...

article image
»

Prime Pagine sta diventando grande!

Carissime ragazze e carissimi ragazzi, dopo un lungo e intenso anno ...

»

Un mare di libri

Dal 14 al 16 giugno, il Festival dei ragazzi che leggono, Mare di ...

»

Letti per voi: “In mezzo al mare”

Un libro illustrato racconta le storie vere di cinque giovani ...