banner

The New Stuff

2680 Views

Prima regola: rispettare il territorio


Dissesto idrogeologico. Sicuramente non sapete di cosa stiamo parlando. Ve lo spieghiamo in questo articolo che racconta di piogge incessanti, alluvioni, case allagate e fango: le ferite di un Paese, il nostro, che soffre e si sgretola. E la colpa è dell’uomo.

Frane, alluvioni, inondazioni. Case allagate o travolte dal fango, persone costrette a lasciare tutto e a trovare rifugio da parenti o amici o nelle strutture di emergenza allestite dalla Protezione civile. Tanti morti, tanti feriti: sono oltre diecimila, secondo Legambiente, quelli contati in Italia dal 1900 a oggi.

Tutto questo ha un nome: dissesto idrogeologico. Un nome che spiega tutto, basta prendere il vocabolario.

Dissesto: condizione di squilibrio, di instabilità. Un po’ come un bicchiere di plastica pieno d’acqua fermo sul bordo di un tavolo, che può cadere se soltanto lo sfiori. Idrogeologico: relativo alle acque, superficiali e sotterranee. Cioè fiumi, laghi, mare, falde acquifere e così via.

Il dissesto idrogeologico ha colpito duro in Italia: Genova è forse la città simbolo della forza distruttrice delle acque. Tra il 1963 e il 2012, secondo i dati Irpi-Cnr recentemente riassunti dal quotidiano La Stampa, le frane hanno causato tra morti e feriti 5.192 vittime, mentre le inondazioni hanno colpito 1.580 persone. E il rischio è diffuso: oltre 5 milioni e mezzo di persone (il 9,6% della popolazione italiana) vivono in zone a elevato rischio idrogeologico.

Casualità? Disgrazia? Colpa della forza inarrestabile della natura? Niente di tutto questo.

Il dissesto idrogeologico è causato soprattutto dall’uomo e in particolare dalla sua capacità di modificare (spesso in peggio) gli equilibri naturali. Per esempio: tra il 1956 e il 2010 in Italia il suolo consumato, cioè tolto alla natura per essere destinato alla costruzione di case, industrie, negozi eccetera, è passato da 8.000 a 20.500 chilometri quadrati. Una crescita del 156%, mentre nello stesso periodo la popolazione è aumentata solo del 24%.

Più suolo consumato significa più cemento, più cemento significa meno terra capace di assorbire l’acqua che piove dal cielo. E tutto questo vuol dire quello che abbiamo ormai imparato a conoscere: strade che si trasformano in fiumi, case devastate, vittime.

Siamo ancora in tempo per tornare indietro? Sì, secondo Legambiente, che da quasi 5 anni conduce una campagna con una serie di proposte. Tra le principali: “Ridare spazio alla natura. Restituire al territorio lo spazio necessario per i corsi d’acqua, le aree per permettere un’esondazione diffusa ma controllata”. E ancora: “Avere cura del territorio, con una corretta manutenzione di fiumi e canali; prevenire gli incendi, smettere di costruire nelle zone a rischio”. Piccole grandi azioni che vanno messe in pratica da subito.

E noi, nel nostro piccolo, che cosa possiamo fare? Possiamo parlarne con i nostri amici e con i nostri genitori, possiamo condividere queste informazioni sui social network. Possiamo, anzi dobbiamo, imparare a far sentire la nostra voce, soprattutto quando in gioco c’è il nostro futuro.

(in copertina: alluvione a Vicenza, novembre 2010)

Domenico Lanzilotta

  • giornalista professionista, direttore responsabile di Venetoeconomia, si occupa e scrive di economia, politica, cultura

Recently Published

article image
»

Infanzia e Covid-19: l’appello per proteggere i bambini più vulnerabili

Save the children: nel 2021, 60 milioni di bambine e bambini avranno ...

»

Storie sotto l’albero

A Natale è tempo di storie. Si sa. E i lettori più piccoli, e ...

»

“L’Ickabog”, il ritorno di J.K. Rowling

“Alto come due cavalli, occhi infuocati, artigli affilati come ...

»

Gianni Rodari, cento anni e non sentirli

Nato il 23 ottobre 1920, in un piccolo paese affacciato sul Lago ...

»

Van Gogh. I colori della vita

Il 10 ottobre, al centro Altinate San Gaetano di Padova, inaugura una ...

»

Una risata per un corpo imperfetto

“Graces” è uno spettacolo di teatro danza che sta ...

»

A scuola, “non perdiamoci di vista”

Questa mattina, al risveglio, abbiamo letto il post Facebook del ...

»

Al Parco Iris di Padova, una nuova area giochi accessibile e inclusiva

Uno spazio felice per tutte e tutti, bambine e bambini con ...

»

In libreria “Passeggiata col cane”, quando una storia è senza parole

La casa editrice Camelozampa porta in libreria un piccolo gioiello di ...