banner

The New Stuff

3105 Views

Orto in condotta


Coltivare verdure buone, divertendosi. Prendersi cura di un orticello e imparare qualcosa di nuovo, ogni giorno. Nel 2004 Slow Food lancia un progetto da inserire nelle attività di educazione alimentare e ambientale nelle scuole. Ve lo raccontiamo.

Studenti, insegnanti, genitori, nonni. Sono questi i protagonisti di Orto in condotta, un bel progetto lanciato una decina di anni fa da Slow food  (l’associazione internazionale no profit impegnata a ridare valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con la natura) pensato per trasmettere alle giovani generazioni i saperi legati alla cultura del cibo e alla salvaguardia dell’ambiente. A un mese dall’apertura di Expo2015 (1 maggio, Milano) vogliamo parlarvi di questa bella esperienza che cresce, anno dopo anno, coinvolgendo sempre più scuole italiane.

A metà degli anni Novanta nasce a Berkeley, in California, il primo School garden di Slow food. Un’iniziativa vincente che ispira ben presto molti appassionati del cibo e della vita sana a contatto con la natura. Qualche anno più tardi l’eco di quella esperienza arriva in Italia e favorisce la nascita di Orto in condotta, progetto di durata triennale che prevede percorsi formativi per insegnanti, attività di educazione alimentare e del gusto e di educazione ambientale per gli studenti e seminari per genitori e nonni ortolani.

Ma cosa fanno esattamente i piccoli coltivatori? Realizzano il loro orto, organizzano mercatini ed eventi, visitano aziende agricole, svolgono attività di educazione ambientale, alimentare e del gusto in aula e nell’orto stesso. Insomma, imparano e si divertono!

Da Nord a Sud, le tante scuole partecipanti hanno costituito una grande rete reale ma anche virtuale, grazie alla piattaforma Grow the planet, il social network dedicato a chi ama il cibo buono e sano, a chi ha l’orto o a chi vuole imparare, un luogo dove scambiarsi consigli, idee ed esperienze.

Per entrare nella rete le scuole, info: educazione@slowfood.it

Redazione Prime Pagine

(in copertina: carote di Polignano, Puglia. Foto Wikimedia commons)

Recently Published

giornalisti del mistero
»

Notizie da brivido. Giornalisti del mistero alla Rocca di Manerba

Segreti e leggende, storie spaventose: ecco gli ingredienti del ...

»

Il giornale della settimana, piccole cronache illustrate

Siamo tornate al Lago di Garda per fare un’altra splendida ...

»

La Gazzetta della Rocca, minireporter al museo archeologico

Una domenica pomeriggio davvero speciale. Prime Pagine ha proposto e ...

»

Cronache fantastiche (seconda parte)

Cronache fantastiche, impossibili, a volte quasi reali: con questo ...

»

Cronache fantastiche

Cronache fantastiche, impossibili, a volte quasi reali: con questo ...

Foto di Grazia Raimondo
»

Una domenica poetica, un’insalata di parole

Le parole possono essere dolci, amare, aspre. Le persone possono ...

Giovanna di Benedetto / Save the Children
»

Ucraina, le prime vittime sono i bambini

Il conflitto costringe donne e bambini a lasciare le proprie case per ...

»

Non ci avevano detto che c’era la pace?

Ucraina – Russia, la guerra spiegata a bambine e bambini. ...

»

Rileggere Mario Lodi

Su Il Bo Live l’omaggio al grande maestro e scrittore, nel ...