banner

The New Stuff

3931 Views

Matisse guarda ad Oriente


Ogni artista si ispira a un mondo, un periodo, un sentimento, un’opera letteraria. Con una mostra originale e innovativa scopriamo cosa influenzò il genio creativo di un grandissimo pittore del Novecento

I toni dell’azzurro e del verde accenderanno le sale delle Scuderie del Quirinale, a Roma, dal 5 marzo al 21 giugno, perché qui sarà ospitata la mostra Matisse. Arabesque. Il grande pittore e illustratore francese, vissuto a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, è qui infatti rappresentato in un’esplosione di colori, oggetti, maschere e tessuti provenienti dall’Africa e dal Medio Oriente. Proprio i suoi viaggi, gli incontri e le trasferte per visite a musei ed esposizioni, in continenti diversi da quello europeo, influenzarono l’opera di Matisse e questa mostra vuole portare agli occhi del suo visitatore proprio l’influenza che percorre tutti i quadri e disegni di uno dei più grandi pittori del ventesimo secolo.

La magia dei colori, della natura primitiva e delle culture diverse, da quella russa a quella giapponese, si vede nel modo nuovo in cui l’artista cambia e trasforma l’opera d’arte. “La rivelazione venne a me dall’Oriente” affermerà nel 1947 il genio Henri Matisse per spiegare la luce dolce e i colori accessi e tipici dei quadri arabi che distingueranno le sue tele da quelle degli altri pittori contemporanei. Cento le opere esposte con alcuni capolavori provenienti dai maggiori musei del mondo, come l’Ermitage di San Pietroburgo o il MoMa di New York. Tra questi, Danzatrice spagnola, Donna che si riposa, Odalisca blu e Paravento moresco. È proprio in questi corpi, nei volti, nell’arredamento e nei colori che gli arabeschi orientali rendono particolare il quadro e fanno scorgere negli occhi del personaggio ritratto una luce nuova.

Pensate che Matisse non era destinato a dipingere, doveva in realtà fare l’avvocato ma, per fortuna o per disgrazia, una malattia lo costrinse a letto per quasi un anno e la sua mente e il suo pennello cominciarono a creare mondi e tavolozze meravigliose. Proprio grazie a quel periodo, e ora a questa mostra, il mondo può godere della visione dei suoi bellissimi quadri.

Per i ragazzi e le famiglie sono tante le attività. Il Laboratorio d’arte delle Scuderie del Quirinale propone una visita animata per viaggiare insieme a Matisse dalla Francia alla Russia, fino all’Africa e all’Oriente, attraverso quelle tappe che si rivelarono fondamentali per il suo percorso artistico. Durante il laboratorio, ceramiche, tessuti e tappeti diventeranno fonte d’ispirazione per creare e reinventare nuovi motivi decorativi.

Per informazioni sulla mostra e sui laboratori: Scuderie Quirinale – Mostra Matisse Arabesque

Redazione Prime Pagine

(in copertina: Paravento moresco, opera del 1921 di Henri Matisse)

Recently Published

giornalisti del mistero
»

Notizie da brivido. Giornalisti del mistero alla Rocca di Manerba

Segreti e leggende, storie spaventose: ecco gli ingredienti del ...

»

Il giornale della settimana, piccole cronache illustrate

Siamo tornate al Lago di Garda per fare un’altra splendida ...

»

La Gazzetta della Rocca, minireporter al museo archeologico

Una domenica pomeriggio davvero speciale. Prime Pagine ha proposto e ...

»

Cronache fantastiche (seconda parte)

Cronache fantastiche, impossibili, a volte quasi reali: con questo ...

»

Cronache fantastiche

Cronache fantastiche, impossibili, a volte quasi reali: con questo ...

Foto di Grazia Raimondo
»

Una domenica poetica, un’insalata di parole

Le parole possono essere dolci, amare, aspre. Le persone possono ...

Giovanna di Benedetto / Save the Children
»

Ucraina, le prime vittime sono i bambini

Il conflitto costringe donne e bambini a lasciare le proprie case per ...

»

Non ci avevano detto che c’era la pace?

Ucraina – Russia, la guerra spiegata a bambine e bambini. ...

»

Rileggere Mario Lodi

Su Il Bo Live l’omaggio al grande maestro e scrittore, nel ...