banner

The New Stuff

1820 Views

Le fantasmagoriche notizie della 5B


Pubblichiamo alcuni passaggi tratti dalle bellissime recensioni realizzate dagli alunni della quinta B della scuola primaria San Giovanni Bosco di Cartura (Padova) dove Prime Pagine ha recentemente portato un laboratorio per piccoli critici letterari. Il libro recensito dai ventidue minireporter è “Federico” (Babalibri).

imagesLa redazione de Le fantasmagoriche notizie della 5B ha recensito il libro Federico di Leo Lionni (Babalibri), che racconta la delicata storia di un topolino poeta. I ventidue piccoli critici letterari hanno analizzato, riflettuto e discusso per poter realizzare veri e propri articoli di critica letteraria.

Federico è un topolino che, mentre i suoi compagni raccolgono il cibo per l’inverno, sembra perdersi dietro alla pigrizia. «Federico, perché non lavori?», chiedono gli altri topolini. «Ma io sto lavorando!» risponde Federico. Effettivamente, Federico sta raccogliendo raggi di sole, colori e parole e saranno proprio questi cibi per la mente che salveranno i topolini dal lungo, gelido inverno!


“Federico racconta una storia che è piena di felicità, sincerità, amicizia e anche un po’ di tristezza: un misto di sentimenti”. Antonio

“Consigliato perché quando lo leggi ti pare di esserci dentro. Insegna che ognuno ha una dote e che tutti siamo speciali”. Alessandro

“Lui è diverso ma alla fine nella tana aiuta più degli altri, solo con le parole. Questo è un bel libro perché insegna che ognuno è importante per quello che è”. Isotta

“Il topolino protagonista non raccoglie come gli altri il grano, bensì i colori, la luce del sole, le parole che sono anche molto significative”. Chiara

“Senza grano né altro cibo, Federico dà la speranza […] Il contenuto della storia è molto profondo: ci insegna a essere positivi”. Carlo

“È un libro molto bello che insegna ai bambini e anche agli adulti come ci si può aiutare gli uni con gli altri e quanta fantasia si può avere nella testa”. Tommaso

“La storia di Federico è per bambini piccoli, ma può insegnare anche ai grandi a essere fantasiosi e provare a dire la propria opinione […] Dalla noia e dalle difficoltà, Federico ha ricavato delle parole che portano alla gioia”. Tommaso

“Questo libro ci insegna che ognuno fa il proprio lavoro, in particolare dà il suo contributo usando le sue capacità”. Cesare

“Vale la pena comprarlo perché insegna che ognuno può dare il suo contributo per aiutare gli altri”. Matteo

“Quando stavano per finire la riserva di cibo, Federico li fece sognare […] Questa storia è bella perché ti insegna a non annoiarti mai”. Emanuele

“Questo libro è bello perché insegna che ognuno è diverso ed è importante che tutti possano fare quello che riescono”. Lorenzo

“Leo Lionni ha voluto dare un messaggio profondo: tutti siamo diversi e ognuno ci arricchisce con la sua diversità”. Emma

“È bello perché insegna non solo ai bambini piccoli, ma anche ai grandi, che ognuno sa fare bene certe cose. Le illustrazioni sono belle come le parole”. Marta

“Questo è un bel libro perché racconta che anche se un amico sembra inutile perché non lavora come gli altri, in realtà può essere capace di inventare, di raccogliere cioè altre provviste utili per far stare bene tutti”. Marta

“Questo libro è molto bello perché ha delle immagini che possono capire grandi e piccoli. In modo simpatico, insegna a non giudicare gli altri. Consigliato!”. Laura

“Questo è un bel libro che fa capire la vita di un poeta. Ognuno fa il proprio lavoro”. Samuele

“Ognuno ha delle idee diverse e può far bene ciò che gli piace e ciò che lo diverte […] Consigliato perché esprime dei sentimenti forti che tutti provano”. Maddalena

“È un bellissimo libro, è scritto molto bene. Questa storia insegna che ognuno è diverso ed è importante per quello che è”. Anna

“Questo libro è interessante e fa capire che ognuno fa il proprio lavoro, anche se in modo diverso”. Illias

“Questo è un bel libro. Mostra l’impegno che Federico ha messo con la fantasia per riscaldare i cuori mentre fuori fa freddo”. Eleonora

“Il libro è molto bello perché fa capire che tutti siamo diversi. Fa capire che ognuno ha il proprio talento, come il topolino Federico che è un ottimo poeta”. Linda

“Federico è diverso dagli altri topolini perché lui è esperto a fare delle cose che i suoi compagni non riescono nemmeno a pensare”. Giulia

Recently Published

»

Al Parco Iris di Padova, una nuova area giochi accessibile e inclusiva

Uno spazio felice per tutte e tutti, bambine e bambini con ...

»

In libreria “Passeggiata col cane”, quando una storia è senza parole

La casa editrice Camelozampa porta in libreria un piccolo gioiello di ...

»

Giovani critici in quarantena

Un gruppo di ragazzi. Tante idee che circolano attraverso i libri e ...

»

Coronavirus, un libro per bambini

“Questo è un periodo strano per tutti, ed è così nel mondo ...

article image
»

Il coronavirus e noi: i giorni sospesi dei bambini coraggiosi

Quante domande, quanti dubbi, quante incertezze. Sono giorni strani, ...

»

Il tempo (creativo) lontano dalla scuola

Dalle Lezioni sul sofà agli audiolibri di “Ad alta ...

»

“Da grande voglio fare il poeta”

Un libro raccoglie le poesie scritte da bambini e ragazzi dai 4 ai 12 ...

»

“Giulietta e Federico”, una grande avventura di cinema e amore

Lo conoscete Federico Fellini? E la conoscete Giulietta Masina? Nel ...

Uffa, logo
»

Uffa, dai disegni dei bimbi alla moda

L’espressione artistica dei più piccoli diventa fonte di ...