banner

The New Stuff

4034 Views

La Repubblica a piccoli passi


Oggi, 2 giugno 2016, si festeggiano i settant’anni della Repubblica italiana. 

Il 2 giugno di ogni anno si celebra la Festa della Repubblica, un’occasione per celebrare la nostra Italia e ricordare un pezzo molto importante della storia nazionale. Sono passati esattamente settant’anni da quelle elezioni del 1946 in cui gli italiani furono chiamati alle urne per votare un referendum istituzionale ed esprimere la loro preferenza su quale forma di governo dare al Paese, tra monarchia o repubblica, in seguito alla caduta del fascismo. All’indomani della guerra, il 2 e 3 giugno, il popolo italiano fece la sua scelta e l’Italia divenne una Repubblica. Il risultato del referendum fu proclamato pochi giorni dopo. Da allora, il 2 giugno appunto, si celebra la Festa della Repubblica. In tutto il mondo, nelle ambasciate italiane, vengono invitati i capi di governo per feste e celebrazioni e in Italia l’evento viene celebrato con una grande parata che si tiene a Roma.

Il 2 giugno 1946 gli italiani però furono chiamati alle urne anche per eleggere i membri della nuova Assemblea Costituente che avrebbe avuto il compito di redigere la Costituzione per la neonata Repubblica e che diede vita, appunto, alla Costituzione della Repubblica Italiana nella sua forma originaria.

Quel giorno di settant’anni fu un giorno fondamentale per l’Italia e lo fu anche per una novità importantissima di quelle elezioni: la partecipazione delle donne che, dopo una lunga e dura battaglia iniziata già nel 1800, videro finalmente riconosciuto il loro diritto di voto. L’Italia passò così dal suffragio universale maschile a quello universale vero e proprio.

A raccontare ai ragazzi quei giorni importanti ci sono diversi libri, utili e divertenti. La Repubblica a piccoli passi di Fausto Vitaliano, edito da Motta Junior: un libro semplice, alla portata di tutti, che spiega la Repubblica e in modo attento e mai banale.

La Costituzione è anche nostra (Sonda editore) di Roberto Piumini, Emanuele Luzzati e Valerio Onida è un testo avvincente sui valori della nostra Costituzione. Le tavole di Luzzati e i testi di Piumini li raccontano attraverso quindici parole chiave: democrazia, lavoro, diritti umani, uguaglianza, diritti e doveri, unità della Repubblica, rispetto delle diversità linguistiche, Stato e chiesa, dialogo tra le religioni, cultura e ricerca, ambiente, arte e storia, accoglienza dello straniero, pace e tricolore.

Serena Ballista e Judith Pinnock hanno scritto invece un libro quaderno, Bella Costituzione. Madri e padri costituenti crescono, che accompagna chi legge, in modo interattivo, alla scoperta di come la Costituzione della nostra Repubblica sia nata e di come permei la vita quotidiana di ognuno. Il libro è ricco di schede, rimandi bibliografici, esercitazioni.

Redazione Prime Pagine

(in copertina: Prima pagina del quotidiano Corriere della Sera, giugno 1946)

Recently Published

giornalisti del mistero
»

Notizie da brivido. Giornalisti del mistero alla Rocca di Manerba

Segreti e leggende, storie spaventose: ecco gli ingredienti del ...

»

Il giornale della settimana, piccole cronache illustrate

Siamo tornate al Lago di Garda per fare un’altra splendida ...

»

La Gazzetta della Rocca, minireporter al museo archeologico

Una domenica pomeriggio davvero speciale. Prime Pagine ha proposto e ...

»

Cronache fantastiche (seconda parte)

Cronache fantastiche, impossibili, a volte quasi reali: con questo ...

»

Cronache fantastiche

Cronache fantastiche, impossibili, a volte quasi reali: con questo ...

Foto di Grazia Raimondo
»

Una domenica poetica, un’insalata di parole

Le parole possono essere dolci, amare, aspre. Le persone possono ...

Giovanna di Benedetto / Save the Children
»

Ucraina, le prime vittime sono i bambini

Il conflitto costringe donne e bambini a lasciare le proprie case per ...

»

Non ci avevano detto che c’era la pace?

Ucraina – Russia, la guerra spiegata a bambine e bambini. ...

»

Rileggere Mario Lodi

Su Il Bo Live l’omaggio al grande maestro e scrittore, nel ...