banner

The New Stuff

2499 Views

Impariamo dalle api


Uno studio scientifico sul comportamento degli sciami di api nei processi decisionali ci insegna a progettare sistemi robotici capaci di auto-organizzarsi. 

In un futuro nemmeno troppo lontano, in caso di terremoto o di un altro disastro naturale, le squadre di soccorso potranno essere composte anche da robot. E questi robot, per operare al meglio, andranno a scuola dalle api.

Non è uno scherzo, ma il risultato di una ricerca dell’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (Istc-Cnr) di Roma, dell’Institut de recherches interdisciplinaires et de développements en intelligence artificielle (Iridia) e la faculté de sciences de l’Université libre de Bruxelles. I ricercatori hanno messo a punto un nuovo strumento che,come spiega Vito Trianni, ricercatore dell’Istc-Cnr, “permette allo sviluppatore di scegliere le dinamiche complessive che vuole ottenere e fornisce automaticamente i parametri da utilizzare nell’algoritmo di funzionamento di ogni singolo dispositivo dello sciame”.

Proviamo a capirci qualcosa. Uno sciame di api che cerca un nuovo luogo dove stabilirsi è affascinante: nonostante il gruppo sia composto da un grandissimo numero di esemplari autonomi, sembra quasi che l’insieme si muova come se fosse un unico grande organismo. Come è possibile? Attraverso una grandissima capacità di comunicare tra singole api. Un’abilità che, una volta sfruttata e “copiata”, potrà permettere a un gruppo di piccoli robot di muoversi in territori sconosciuti: per esempio, una zona appena colpita da una calamità naturale come un’inondazione o un terremoto. Questi gruppi di robot potranno quindi auto-organizzare i soccorsi e gli spostamenti, dando così un grande aiuto ai soccorritori umani. Prepariamoci dunque a vedere sciami di robottini-salvatori muoversi come piccole api. Ma non aspettiamoci del miele!

Domenico Lanzilotta

  • giornalista professionista, direttore responsabile di Venetoeconomia, si occupa e scrive di economia, politica, cultura

Recently Published

article image
»

Infanzia e Covid-19: l’appello per proteggere i bambini più vulnerabili

Save the children: nel 2021, 60 milioni di bambine e bambini avranno ...

»

Storie sotto l’albero

A Natale è tempo di storie. Si sa. E i lettori più piccoli, e ...

»

“L’Ickabog”, il ritorno di J.K. Rowling

“Alto come due cavalli, occhi infuocati, artigli affilati come ...

»

Gianni Rodari, cento anni e non sentirli

Nato il 23 ottobre 1920, in un piccolo paese affacciato sul Lago ...

»

Van Gogh. I colori della vita

Il 10 ottobre, al centro Altinate San Gaetano di Padova, inaugura una ...

»

Una risata per un corpo imperfetto

“Graces” è uno spettacolo di teatro danza che sta ...

»

A scuola, “non perdiamoci di vista”

Questa mattina, al risveglio, abbiamo letto il post Facebook del ...

»

Al Parco Iris di Padova, una nuova area giochi accessibile e inclusiva

Uno spazio felice per tutte e tutti, bambine e bambini con ...

»

In libreria “Passeggiata col cane”, quando una storia è senza parole

La casa editrice Camelozampa porta in libreria un piccolo gioiello di ...