banner

The New Stuff

53 Views

Beetlejuice è tornato!


Il secondo atto del film di Tim Burton dedicato al leggendario “spiritello porcello” sarà il titolo di apertura della 81esima Mostra del cinema di Venezia. E no, non è propriamente una favola per bambini!


3 luglio 2024

Beetlejuice è tornato! E questa non è una tenera storia d’infanzia. Un film che ha spaventato (e in qualche modo, cresciuto) generazioni di ragazzini e ragazzine ritorna al cinema con un secondo attesissimo atto. No, Beetlejuice non è un film per famiglie, ma vogliamo scriverne perché per noi è stato fondamentale. Questo articolo è (un po’) personale, lo scriviamo in coppia: per noi Beetlejuice rappresenta un vero e proprio passaggio, un film di svolta. Immaginate due bambine di fronte allo schermo: incantate, divertite e, al tempo stesso, spaventatissime da quel personaggio irriverente e inquietante. Era il 1988, 36 anni dopo arriva il sequel: quelle due bambine sono diventate grandi, ma non hanno mai dimenticato Beetlejuice e un’emozione -quasi- adulta, una “fifa” elettrica che ci faceva ridere forte.

“Sono entusiasta – ha dichiarato Tim Burton (nella foto di copertina di questo articolo) –. Significa molto per me avere la prima mondiale di questo film alla Mostra di Venezia”. In Beetlejuice Beetlejuice, agli attori degli anni Ottanta si aggiungono nuovi interpreti e personaggi: Michael Keaton veste ancora i panni dello spiritello, e ritroviamo anche Winona Ryder e Catherine O’Hara. Con loro Justin Theroux, Monica BellucciJenna Ortega e Willem Dafoe.

Beetlejuice Beetlejuice sarà presentato in anteprima mondiale, fuori concorso, mercoledì 28 agosto nella Sala Grande del Palazzo del Cinema (Lido di Venezia), nella serata di apertura della 81esimaMostra Internazionale d’Arte Cinematografica (e poi arriverà nelle sale il 5 settembre).

Beetlejuice Beetlejuice è l’atteso ritorno di uno dei personaggi più iconici del cinema di Tim Burton, ma anche la felice conferma dello straordinario talento visionario e della maestria realizzativa di uno dei più affascinanti autori del suo tempo”, ha spiegato il direttore della Mostra del cinema, Alberto Barbera.

La storia. Dopo un’inaspettata tragedia familiare, tre generazioni della famiglia Deetz tornano a casa a Winter River. Ancora perseguitata da Beetlejuice, la vita di Lydia viene sconvolta quando la figlia adolescente e ribelle, Astrid, scopre il misterioso modellino della città in soffitta e il portale per l’Aldilà viene accidentalmente aperto. Con i problemi che stanno nascendo in entrambi i regni, è solo questione di tempo prima che qualcuno pronunci tre volte il nome di Beetlejuice e il demone dispettoso torni nuovamente per scatenare il suo caos.


Chi è Tim Burton?
Timothy Walter Burton è nato nel 1958 ed è
cresciuto a Burbank, California. Ampiamente conosciuto come uno degli artisti più fantasiosi e un regista in grado di creare gli effetti visivi più suggestivi, ha reinventato il cinema di genere a Hollywood secondo la propria personalissima visione, conquistando fan in tutto il mondo e influenzando generazioni di giovani artisti del cinema, del video e del graphic-design. Ha studiato alla CalArts diventando pioniere di uno stile onirico, grottesco e singolare che non aveva precedenti. La sua iconica filmografia include negli ultimi tre decenni titoli celebri quali Beetlejuice (1988), Batman (1989), Edward mani di forbice (1990), Nightmare Before Christmas (1993), presentato alla Mostra di Venezia, Ed Wood (1994), Il mistero di Sleepy Hollow (1999), Big Fish (2003), La sposa cadavere (2005), presentato a Venezia, Sweeney Todd – Il diabolico barbiere di Fleet Street (2007), Alice in Wonderland (2010), Dumbo (2019), e la recente serie Mercoledì, dove ha lavorato come produttore esecutivo. Ha creato uno stile artistico chiamato Burtonesque e anche se è ampiamente conosciuto come regista, Tim Burton è un artista di primo piano, di talento in vari settori artistici, tra cui arte, fotografia e scultura, lavorando nello spirito del surrealismo pop. Nel 2007 gli è stato attribuito dalla Biennale di Venezia il Leone d’oro alla carriera della 64esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.

Francesca Boccaletto ed Erika Saggiorato

Recently Published

»

Beetlejuice è tornato!

Il secondo atto del film di Tim Burton dedicato al leggendario ...

»

Tutti i festival! Le rassegne 2024

Una mappa per orientarsi tra le tante proposte in arrivo e trovare il ...

»

Il cinema incontra la letteratura per ragazzi “The Wonderful Story of Henry Sugar”

Presentata all’ultima Mostra del cinema di Venezia, l’opera ...

»

Arquà Petrarca. Piccoli cronisti del passato tra le stanze del poeta

Pubblichiamo gli articoli scritti dalle alunne e dagli alunni della ...

»

Le notizie incredibili di “Fantanews”

Pubblichiamo gli articoli “fantastici” scritti dalle ...

»

“Il Sole 5ore” fa il pieno di notizie!

Pubblichiamo il risultato finale di un laboratorio condotto da ...

giornalisti del mistero
»

Notizie da brivido. Giornalisti del mistero alla Rocca di Manerba

Segreti e leggende, storie spaventose: ecco gli ingredienti del ...

»

Il giornale della settimana, piccole cronache illustrate

Siamo tornate al Lago di Garda per fare un’altra splendida ...

»

La Gazzetta della Rocca, minireporter al museo archeologico

Una domenica pomeriggio davvero speciale. Prime Pagine ha proposto e ...