banner

The New Stuff

1126 Views

Al Parco Iris di Padova, una nuova area giochi accessibile e inclusiva


Uno spazio felice per tutte e tutti, bambine e bambini con disabilità e non. Un parco giochi accessibile e inclusivo è stato inaugurato oggi, 6 luglio, al Parco Iris di Padova

Giocare insieme, immersi nella bellezza della natura, in libertà e sicurezza, riempiendo di risate e fantasia gli spazi verdi della città. Questo chiedono i più piccoli, tutti, nessuno escluso: il gioco e l’incontro con l’altro. E proprio questo, noi adulti, dobbiamo garantire.

Si legge nell’articolo 31 della Convenzione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, sancita dall’Onu nel 1989 e ratificata dall’Italia nel 1991. “Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età e a partecipare liberamente alla vita culturale ed artistica. Gli Stati rispettano e favoriscono il diritto del fanciullo di partecipare pienamente alla vita culturale e artistica e incoraggiano l’organizzazione, in condizioni di uguaglianza, di mezzi appropriati di divertimento e di attività ricreative, artistiche e culturali”. Rispondendo a questa principio, in uno spirito di condivisione, accoglienza e partecipazione, è stato realizzato un piccolo grande progetto.

Grazie alle donazioni di cinque Rotary club (Padova, Padova Contarini, Padova Est, Padova Euganea e Padova Nord), in collaborazione con il Distretto 2060, al Parco Iris di Padova è appena stata inaugurata una nuova area giochi per bambini e bambine con disabilità e non. Accessibile, perché priva di barriere architettoniche, e inclusiva perché pensata per stimolare e facilitare le attività in comune di tutti i bambini.

La superficie attrezzata di 100 metri quadri è rivestita di gomma colata colorata antitrauma ed è suddivisa in due aree tematiche per stimolare il gioco e la socialità dei bambini. I giochi sono sei: tubi parlanti, strutture per stare in equilibrio, molle, un piccolo villaggio di casette, una torretta e una piccola parete d’arrampicata. Il parco giochi, inoltre, è corredato di una segnaletica e cartellonistica che identifica ogni gioco con la descrizione del suo scopo e utilizzo e propone una pluralità di linguaggi e codici: Braille, traduzione semplificata e grandi caratteri a contrasto per facilitare la lettura anche da parte degli ipovedenti. A lato dell’area giochi sono stati installati due tavoli con panche, per disegnare o fare merenda, con la possibilità di inserire un’eventuale sedia a rotelle.

Quanto ci piacciono queste notizie… dunque, che si fa? Appuntamento al Parco Iris?

Redazione Prime Pagine

Recently Published

»

Grazie Venezia78!

Al termine di ogni edizione della Mostra internazionale d’arte ...

»

Al Lido per la 78esima Mostra del Cinema

Care piccole lettrici e cari piccoli lettori, inizia oggi la 78esima ...

article image
»

Infanzia in Afghanistan: quale futuro per bambine e bambini?

L’avanzata devastante, la caduta di Kabul, il potere nella mani ...

»

Nemmeno il Covid è riuscito a fermare la passione per lo sport!

Che cosa ne è stato dello sport in questo anno? Ce lo chiediamo ...

»

“Cronache fantastiche”, il laboratorio insolito e divertente per Kid Pass Edu

Ecco il risultato di un laboratorio davvero unico, condotto nel mese ...

article image
»

Infanzia e Covid-19: l’appello per proteggere i bambini più vulnerabili

Save the children: nel 2021, 60 milioni di bambine e bambini avranno ...

»

Storie sotto l’albero

A Natale è tempo di storie. Si sa. E i lettori più piccoli, e ...

»

“L’Ickabog”, il ritorno di J.K. Rowling

“Alto come due cavalli, occhi infuocati, artigli affilati come ...

»

Gianni Rodari, cento anni e non sentirli

Nato il 23 ottobre 1920, in un piccolo paese affacciato sul Lago ...